Tag: ebay

Idee per guadagnare a Natale

Bentornate su Inventa Lavoro che si è rifatto il lifting insieme a Style. Che ne pensate? Io credo che sia molto più funzionale, allegro e ricco. Purtroppo, per un po’, dovrò cercare di smaltire la posta che si è accumulata in mesi di latitanza (causa progetti, crescite, idee ecc… che riguardano anche Inventa Lavoro. Vi aspetta una bella sorpresa :) . Ho pensato, però, di non farlo tutto sa sola questo super lavoro di corrispondenza, altrimenti mi verrebbe la sindrome da “stress di Babbo Natale” (pure lui stressato??? Chi può essere certo del contrario?). Già che ci siamo partiamo proprio da Babbo Natale perché molte di voi mi hanno scritto raccontandomi del pallino per… il Natale. Dice Annarita: “Decorazioni, alberi, presepi, regalini… la voglia di Natale per me dura 365 giorni ogni anno! Mi piacerebbe tanto trasformare questa fissazione in un vero lavoro ma non saprei come fare…”. Moppy, invece, vorrebbe fare la pacchettista, ma ugualmente tutto l’anno. Ad Annarita che mi scrive di avere anche un locale, consiglio di aprire un negozio che possa servire da compravendita di addobbi “usati”. Può partire on line, utilizzando il locale solo come magazzino e restaurando gli addobbi rovinati. Le ho già mandato un’e-mail con molti dettagli per poter partire fin dal prossimo Gennaio (è il momento ideale perché molo spesso in casa non c’è posto per tutti gli addobbi che sono stati acquistati sull’onda dell’entusiasmo e, piuttosto che perdere ore a stiparli in ogni angolino libero si preferisce… regalarli o metterli su Ebay). A proposito di Ebay, vorrei dire la mia: molti credono che essendoci “Lui” le altre forme di commercio on line non abbiano senso. È molto sbagliato: i siti specializzati funzionano comunque. Si perde meno tempo a cercare quello che si desidera. Mentre aspetto evoluzioni da Annarita, mi concentro sulla richiesta di Moppy. Nel suo caso, infatti, funziona il lavoro on the road. Credo che potrebbe essere simpatico attrezzare un’Ape Car che vada in giro a fare solo i pacchi regalo (lasciando dietro di sé una bella musichetta ginglebel ginglebel). I centri commerciali e le varie catene di negozi, infatti, ormai si “attrezzano” per tempo con pacchettisti o banchetti “pacchetto express”, ma se si comprano doni nei mercatini, nei piccoli negozietti o, addirittura, sulle bancarelle (sempre più persone lo fanno), per il pacchetto come ci si attrezza? Consiglio a Moppy di fare un prezzo molto basso, ma variabile (solo carta, bustina, cesto ecc…). Il pack in altri Paesi del mondo è una vera arte e sono molti i blog che insegnano a fare involucri con tutto (ad esempio con la stoffa, giapponesi docent). Moppy può imparare anche a costruire delle scatoline da montare facilmente. Molto interessante, poi, vendere solo il materiale a chi, comunque, il pacco vuole farselo da sé. E per lavorare tutto l’anno? Bèh, dopo Natale c’è San Valentino, poi la Festa della Donna, Pasqua, La Festa della mamma e… di far pacchi è sempre tempo!

TAGS

Il vip doll designer

A tutte le appassionate di bambole ho già consigliato un lavoro interessante e curioso: il doll fashion designer, ma chi sogna di affermarsi in questo settore non può ignorare l’ultimissimo trend: le vip dolls, ovvero le bambole che non sono altro che ritratti di personaggi famosi. Così, sugli scaffali dei Toy’s Center (soprattutto americani) impazzano le riproduzioni di Angelina Jolie, Johnny Depp ma anche di personaggi politi come Obama, Hillary Clinton (agguerrita) e l’ultimissima Sarah Palin (in più vesti, of course!). Oltre che per il divertimento delle bambine, infatti, queste bambole-dive stanno diventando delle vere mascotte, nonche dei simpatici gadget "promozionali" della serie: dove vai se la bambola non ce l’hai? Ecco che, per i creativi, portati per il design ma anche per il ritratto, si apre un nuovo settore, assolutamente di nicchia ma redditizio. Basti pensare alle bambole che vedete in questo post, realizzate dall’artista Noel Cruz. Angelina (a dire il vero bella e molto somigliante) è stata "quotata" su Ebay, ben 3000 euro! E pare che queste icone di plastica vadano davvero a ruba. Se è vero che il gossip non finisce mai, poi, questo lavoro promette bene: ci saranno sempre personaggi nell’occhio del ciclone da "riprodurre" e mettere sugli scaffali tra gli altri giocattoli! Infine, ecco qualche link utile a tutti gli artisti delle bambole (o aspiranti tali): www.dollmaking.org; www.odaca.org; www.dollccmag.com. Un magazine da seguire? E’ on line: www.dollreader.com.

TAGS

Aprire un negozio di… spazzatura

Qualcuno lo ha già fatto, forse più per ironia che per altro, mettendo in vendita su Ebay la vera spazzatura di Napoli, ma a Moncalieri (in provincia di Torino), è nato addirittura un negozio di rifiuti che si chiama "Ecopunto informativo". Il suo funzionamento è identico a quello di qualsiasi altro mercato dell’usato: i cittadini portano in negozio lattine, cartone, Pet, plastica e ricevono denaro. L’idea è del Centro Recoplastica, ma presto diventerà una rete in franchising. La società, infatti, per il prossimo 13 Settembre, ha già previsto un meeting sul Franchising Recoplastica. Per partecipare, sul sito è possibile scaricare il modulo.

Immagine da http://www.co.grays-harbor.wa.us.

TAGS